Sabato mattina sveglia con Iscos Marche su Raitre

Sabato 22 settembre alle 7:30 tutti con il caffè davanti alla televisione, su Raitre, per vedere i servizi dedicati a ISCOS Marche, FNP CISL Marche, ADICONSUM e Associazione Vittime del Dovere Onlus.

Il programma è stato realizzato grazie ad un Protocollo d’intesa tra Corecom Marche e RAI – Sede regionale per le Marche.

Buona visione e buona giornata!

Lavoro dignitoso per le donne in Etiopia: ecco come è andato il progetto

Il 29 agosto 2018 ad Addis Abeba nella sede del sindacato etiope CETU si è tenuto il seminario conclusivo del progetto per il lavoro dignitoso per le donne.

Insieme al gruppo dirigente etiope e ai rappresentanti delle regioni interessate dalle attività, sono state ripercorse le tappe principali: dalla ricerca sulle condizioni di lavoro, ai corsi di formazione per le donne in azienda, alle assemblee, al sostegno ai comitati femminili.

Sono stati “celebrati” i risultati ottenuti: i miglioramenti sul posto di lavoro, in termini di sicurezza, di tutela della maternità, di orari di lavoro per le donne, di contrasto alle molestie.

In 19 aziende del tessile, del pellame, dei fiori, sono stati costituiti o rafforzati i comitati femminili, che, supportati dai sindacati, hanno iniziato un percorso di contrattazione con i datori di lavoro. I primi risultati fanno ben sperare. Anche se sono stati compiuti piccoli passi, come ottenere il riconoscimento di 3 mesi di maternità, rispetto ai 2 iniziali, è importante aver avviato un percorso di autonomia delle donne, di presa di coscienza delle proprie possibilità e del proprio potere.

La collaborazione con CETU proseguirà: l’Etiopia ha una forza lavoro giovane, tassi di crescita enormi, e bisogna moltiplicare gli sforzi per garantire uno sviluppo equo e dignitoso.

Qui la presentazione utilizzata durante il seminario.

ISCOS Marche socio di Banca Etica: lavoro dignitoso, finanza etica

L’assemblea dei soci di ISCOS Marche ha deciso di stringere ancora di più il legame con Banca Etica, deliberando l’acquisto di quote sociali.

La Cisl, e la Cisl Marche, hanno partecipato da subito alla costituzione di Banca Etica, nel 1998 e 1999, con il passaggio da cooperativa a banca popolare

Iscos Marche si è avvicinato nel tempo, prima con una carta conto per associazioni, poi con un conto corrente per arrivare infine a diventare socio.

Due temi di fondo che sono molto vicini: la dignità del lavoro, il rispetto dei diritti dei lavoratori e la democrazia economica, la scelta di trasparenza, partecipazione, equità, efficienza, sobrietà, attenzione alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, credito come diritto umano.

Un uso responsabile del denaro, che per noi, oggi, è ancora concretamente più vicino.

Tutela dei lavoratori migranti: in arrivo ad Ancona una delegazione di sindacalisti dal Marocco per promuovere lo scambio di esperienze tra i due paesi. Previsti un seminario, una conferenza e la proiezione di “My name is Adil”

Dal 20 al 22 giugno 2018 saranno ospiti presso la CISL di Ancona 4 delegati sindacali marocchini: Franck Iyanga – ODT, Lahna El Kachach – UMT, Nizar Nasri – CDT e Lahsen Hansali – UGTM e Mustapha Azaitraoui, esperto in migrazione e lavoro dignitoso.

Negli ultimi anni il Marocco, terra di emigrazione verso l’Italia, sta diventando sempre più meta di immigrazione dagli altri paesi africani. Il paese si trova a fronteggiare le sfide dell’accoglienza e della tutela dei lavoratori.

Il seminario organizzato presso il Salone Armatura (via Ragnini 4, Ancona) giovedì 21 giugno vede il coinvolgimento dei delegati sindacali CISL delle principali categorie (FAI, FIM, FILCA, FEMCA) che dialogheranno coi colleghi del Marocco al fine di favorire una riflessione in materia di protezione e promozione dei diritti dei lavoratori migranti, con una attenzione particolare alle criticità maggiori e alle fasce di lavoratori stranieri più vulnerabili. Sarà inoltre occasione per la delegazione marocchina di visitare gli sportelli CISL dislocati su Ancona ed entrare in contatto con i servizi offerti dal sindacato: lo sportello per l’immigrazione, i corsi di italiano.

La giornata proseguirà con la convocazione alle ore 16.30 del Comitato esecutivo CISL aperto agli invitati, presso il Salone Armatura.
Parteciperanno l’ANOLF Marche, di Ancona e di Macerata, associazioni attive nell’assistenza agli immigrati e contro le discriminazioni; la FAI CISL, che presenterà l’iniziativa “S.O.S. Caporalato”, numero verde contro lo sfruttamento in agricoltura, e rappresentanti della comunità marocchina nelle Marche.

Introdotta dall’autore, Adil Azzab, seguirà alle ore 18.00 la proiezione del film “My name is Adil”. Il lungometraggio, girato tra le campagne marocchine e Milano, presenta la storia vera di un ragazzo fuggito dal Marocco per inseguire il padre emigrato in Italia, un paese che scopre essere diverso da quello immaginato, ma che gli permetto di crescere e formarsi fino alla decisione di tornare in Marocco alla scoperta delle proprie radici.

Queste iniziative rientrano nell’ambito del progetto di Iscos Marche Migra-droit, finanziato dalla Regione Marche, tra i progetti ad iniziativa territoriale di solidarietà internazionale e di cooperazione allo sviluppo.

 

Gabriele Del Grande arriva ad Ancona per presentare il suo ultimo lavoro, Dawla

Del Grande, Dawla, Ancona

ISCOS Marche e ANOLF Marche organizzano Lunedì 21 maggio, alle 17:00, al Museo Omero di Ancona un incontro con l’autore Gabriele Del Grande in occasione dell’uscita del suo ultimo libro, Dawla.

Un’inchiesta nata da un progetto di crowdfunding che ha avuto l’appoggio anche di ISCOS e ANOLF, durata 18 mesi e segnata dall’arresto di Gabriele Del Grande in Turchia.

Il titolo significa “Stato” in arabo, ed è uno dei modi in cui gli affiliati dell’ISIS chiamano la propria organizzazione. Il libro ripercorre il conflitto siriano, dal 2005 ad oggi, attraverso le storie di tre uomini che si arruolano nello stato islamico, presentando quindi il punto di vista dei carnefici:

“Non per giustificare, non per umanizzare. Ma unicamente per raccontare e, attraverso una storia, cercare una risposta, ammesso che ve ne sia una, a quell’antica domanda sulla banalità del male che da sempre riecheggia nelle nostre teste dopo ogni guerra”,

per dirlo con le parole dell’autore.

Dialogherà con l’autore Fabio Turato, docente di Relazioni internazionali presso l’Università di Urbino, esperto di geopolitica, media e populismo.

Appuntamento lunedì 21 maggio presso il Museo Omero (all’interno della Mole Vanvitelliana) alle ore 17.

In collaborazione con la libreria Fogola di Ancona sarà possibile prenotare la propria copia del libro ad un prezzo speciale di 16,50 € (anziché 19€) accedendo a questo link: https://goo.gl/forms/1XyTy1byPk4WAL513

 

Scheda del libro: www.librimondadori.it/libri/dawla-gabriele-del-grande/

Qui l’indirizzo del Museo Omero: http://www.museoomero.it/main?p=informazioni_come_arrivare&idLang=3

Il volantino dell’evento (clicca per scaricare):

Per informazioni:
Iscos Marche, via dell’Industria 17/a, Ancona – tel 071 505228 – info@iscosmarche.it

Lavoro dignitoso e migrazione: scambio di esperienze tra Italia e Marocco

Il Marocco sta vivendo la migrazione in due sensi: da un lato l’aspetto noto, storico, dell’emigrazione verso l’Europa (in Italia la comunità marocchina è tra le più numerose); dall’altro accoglie migranti dall’Africa occidentale, francofona.

I sindacati marocchini sono chiamati a dare un contributo per la gestione del fenomeno e tutelare i lavoratori migranti.

Venerdì 20  e sabato 21 Aprile abbiamo organizzato due giorni di confronto tra le realtà sindacali. Hanno partecipato Leonardo Bartolucci, della FIM CISL Marche, Francesco Interlenghi, della FEMCA CISL Marche eJacopo Lasca, della FILCA CISL Marche, e i rappresentanti dei sindacati marocchini UMT e UGTM.

Sono stati presentati e discussi i due studi « Qualité de l’emploi et sous-emploi. Intérim et nouvelles formes de travail» di M. Mohammed Tariq e « Migrations, travail décent et droits sociaux » di  M. Mustapha Azaitraoui.

Questa attività, e gli studi, sono stati resi possibili grazie al contributo dell’Unione europea, attraverso il progetto SOLID e della Regione Marche, attraverso il progetto “Migrazione e lavoro dignitoso”.

E’ possibile scaricare il materiale del seminario a questo collegamento

Inoltre, il sabato, è stato realizzato un incontro con l’Odt, il sindacato dei migranti in Marocco.

Cerchiamo un cooperante espatriato per l'Etiopia

La ONG ISCOS ETIOPIA sta selezionando un/a Capoprogetto da inserire nella sua operatività in Etiopia. Scadenza invio candidature 2 marzo 2018, disponibilità immediata.

Cooperante espatriato – Etiopia

Destinazione: Etiopia- Addis Abeba (con frequenti missioni in Amhara)
Durata: 24 mesi, preferenza per disponibilità a partire dal mese di marzo 2018
Si richiede a questa figura di:
– Supportare il partner locale nell’implementazione delle attività in capo al partner locale sul progetto approvato nell’ambito del bando Since;
– Supervisionare tutti gli aspetti del progetto, compresa la pianificazione, l’organizzazione, le risorse finanziarie, tecniche e umane e garantire che i risultati del progetto vengano raggiunti nei tempi e nel rispetto del budget legato al piano di lavoro annuale;
– Mantenere e rafforzare relazioni con i partner principali, con i beneficiari dei progetti e degli Enti Locali attraverso processi volti a garantire responsabilizzazione e partecipazione. Costruire nuove partnership e relazioni con attori istituzionali e non statali che operano nel settore correlato di intervento.
– lavorare parallelamente e in concerto con la sede in Italia per sviluppare il programma di lavoro (progettazione, preparazione e negoziazione delle proposte di progetti e budget) e un contributo alla definizione della strategia paese;
– occuparsi della raccolta e dello studio di documentazione utile alla scrittura e presentazione di nuovi progetti;
– costruire nuove partnership istituzionali e non (con organizzazioni della società civile locali) e tenere i rapporti con gli enti locali e i donatori presenti nel paese;
– mantenere i rapporti con la Sede in Italia, mantenendo contatti esclusivi con Desk Officer (DO) / Coordinatore regionale o altro e il relativo donatore e l’aggiornamento periodico sulla realizzazione del progetto.

Esperienza professionale

Almeno 3 anni di precedente esperienza di lavoro con ONG o Organizzazioni Internazionali con responsabilità crescenti.
Preferibile precedente esperienza professionale nell’area del Corno d’Africa
Preferibile precedente esperienza nell’ambito di progetti con componenti sindacali (dialogo sociale, diritti dei lavoratori, etc.)

Istruzione & Abilità

Studi comprovati nell’ambito dei diritti umani o cooperazione internazionale e diritto internazionale o ambito pertinente, preferibile pregressa esperienza di collaborazione con partner sindacali;
Capacità di valutare le esigenze locali e di scrivere nuove proposte progettuali;
Buone competenze amministrative e di reportistica;
Buone capacità organizzative e capacità di gestione dei propri tempi e delle responsabilità;
Forti capacità di networking nel trattare con le parti interessate e in particolare gli enti locali, istituzioni e donatori ad alto livello per promuovere e implementare programmi di sviluppo;
Capacità di lavorare in gruppo e in un contesto multiculturale;
Capacità di negoziazione, ottime capacità relazionali, flessibilità in termini culturali e organizzativi;
Ottima conoscenza della lingua inglese parlata e scritta (obbligatoria);
Buone conoscenze informatiche e di programmi base per la lavorazione di file video o di file immagini;
Scadenza: 2 marzo 2018
Candidature: si richiede di compilare il seguente modulo:

I candidati pre-selezionati saranno contattati per l’invio del c.v. completo ed invitati ad un colloquio conoscitivo.

Tute, calze, stivali, computer: consegnato il materiale alla scuola di Ambaras – Etiopia


Il 12 febbraio abbiamo consegnato il materiale scolastico ed i vestiti nella scuola di Ambaras, nelle Simien Mountains in Etiopia.
Grazie alla Chiesa Valdese, al 5 per mille, ai donatori privati, stiamo aiutando 800 bambini. Per 60 di loro riusciamo a garantire la mensa per un anno.
Per saperne di più sul progetto segui questo link.
 
Qui invece il link alle immagini della giornata:
https://photos.app.goo.gl/N5yDDvoQRYf3YAap1