Lavoro o sfruttamento? Analisi dell’inserimento lavorativo dei migranti nelle Marche

Questo documento presenta i risultati dell’analisi della situazione dell’inserimento lavorativo dei migranti, rifugiati e richiedenti asilo nelle Marche.
Sono stati identificati i fattori che possono influenzare positivamente o negativamente l’inserimento, e le relazioni tra i fattori, per arrivare ad una descrizione del sistema dell’inserimento e dei possibili punti di leva sui quali intervenire per facilitare gli inserimenti e contrastare lo sfruttamento lavorativo.

La descrizione punta a capire, e a far capire, meglio la realtà per come è, e non per come dovrebbe essere. Una tappa di un percorso illustrativo, e non una prescrizione di un obiettivo ideale.

Questo lavoro di analisi è nei fatti la base per l’elaborazione di un modello condiviso tra i diversi attori (istituzionali e non) per l’acquisizione e il riconoscimento delle competenze e per il coinvolgimento in percorsi di inserimento lavorativo.

Inserisci il tuo nome e indirizzo e-mail per il download gratuito.


La presentazione della mappa on line è disponibile qui.

Le attività si svolgono grazie al Progetto “Nuove comunità: blockchain per il lavoro”, finanziato a ISCOS Marche dal “Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel Terzo Settore” del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e della Regione Marche .

Inizia a Bruxelles l’evento finale per il dialogo sociale nel Mediterraneo

Tutto pronto per la conclusione del ptogetto pilota Solid, per il dialogo sociale in Marocco, Tunisia, e Giordania.

Oggi, al Comitato Europeo Economico e sociale sono presenti rappresentanti della Commissione Europea, degli imprenditori, dei sindacati e della società civile dei tre paesi coinvolti per celebrare la sottoscrizione della Carta del Dialogo sociale da parte dei tre Ministri di Marocco, Tunisia e Giordania.

Una tappa importante verso la creazione di uno spazio sempre più ampio nel Mediterraneo di dialogo tra le parti sociali ed istituzionali, per la crescita della democrazia.

Iscos ha contribuito a questo progetto soprattutto nel lavoro con i sindacati marocchini, collaborando ad un percorso comune tra le principali sigle sindacali per il lavoro dignitoso nelle realtà multinazionali, per la tutela dei migranti, per la tutela dei lavoratori del settore informale.

La delegazione Iscos e Cisl è formata da Giuseppe Farina, presidente di Iscos Nazionale, Isabella Panfili, Responsabile Iscos Marche per il Marocco, Sauro Rossi, Segretario Cisl Marche, Vincenzo Russo, Direttore Iscos Marche e Zakaria, il più giovane esperto sul dialogo sociale mai entrato nell’aula del CESE.

La delegazione Cisl Iscos

Lavoro o sfruttamento dei migranti? Seminario ad Ancona – 26 febbraio

Il 26 febbraio 2019 dalle ore 9,00 alle 13,00 presso lo IAL Marche di Via dell’Industria 17/A ad Ancona verrà presentata l’”Analisi sull’inserimento lavorativo nelle Marche”.

L’incontro sarà l’occasione per condividere la mappa sui fattori che facilitano od ostacolano l’inserimento lavorativo dei migranti nelle Marche.

La partecipazione è aperta agli interessati. Vi invitiamo a registrarvi presso il seguente link:
https://goo.gl/forms/bCZZnp06evAIM2dE3

Il seminario fa parte del progetto “Nuove Comunità: blockchain per il lavoro“, per creare una rete di associazioni che condivida gli strumenti per gli inserimenti lavorativi.

Finanziamento: Il progetto è finanziato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e dalla Regione Marche.


Il dialogo sociale nella sponda sud del Mediterraneo: la conferenza finale del progetto Solid

Oggi, 2 ottobre 2018, si svolge la tappa finale del progetto che ci ha visti impegnati per tre anni nella promozione del dialogo sociale.

I governi, gli imprenditori, i sindacati, le associazioni presentano oggi la carta per il dialogo sociale all’Unione europea, alle istituzioni internazionali, ai media.

12 punti chiave per far utilizzare il dialogo sociale nella soluzione dei problemi delle società del sud del Mediterraneo: sviluppo sostenibile, protezione sociale, buon governo, migrazione.

Per saperne di più clicca qui

Sabato mattina sveglia con Iscos Marche su Raitre

Sabato 22 settembre alle 7:30 tutti con il caffè davanti alla televisione, su Raitre, per vedere i servizi dedicati a ISCOS Marche, FNP CISL Marche, ADICONSUM e Associazione Vittime del Dovere Onlus.

Il programma è stato realizzato grazie ad un Protocollo d’intesa tra Corecom Marche e RAI – Sede regionale per le Marche.

Buona visione e buona giornata!

ISCOS Marche socio di Banca Etica: lavoro dignitoso, finanza etica

L’assemblea dei soci di ISCOS Marche ha deciso di stringere ancora di più il legame con Banca Etica, deliberando l’acquisto di quote sociali.

La Cisl, e la Cisl Marche, hanno partecipato da subito alla costituzione di Banca Etica, nel 1998 e 1999, con il passaggio da cooperativa a banca popolare

Iscos Marche si è avvicinato nel tempo, prima con una carta conto per associazioni, poi con un conto corrente per arrivare infine a diventare socio.

Due temi di fondo che sono molto vicini: la dignità del lavoro, il rispetto dei diritti dei lavoratori e la democrazia economica, la scelta di trasparenza, partecipazione, equità, efficienza, sobrietà, attenzione alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, credito come diritto umano.

Un uso responsabile del denaro, che per noi, oggi, è ancora concretamente più vicino.

Tutela dei lavoratori migranti: in arrivo ad Ancona una delegazione di sindacalisti dal Marocco per promuovere lo scambio di esperienze tra i due paesi. Previsti un seminario, una conferenza e la proiezione di “My name is Adil”

Dal 20 al 22 giugno 2018 saranno ospiti presso la CISL di Ancona 4 delegati sindacali marocchini: Franck Iyanga – ODT, Lahna El Kachach – UMT, Nizar Nasri – CDT e Lahsen Hansali – UGTM e Mustapha Azaitraoui, esperto in migrazione e lavoro dignitoso.

Negli ultimi anni il Marocco, terra di emigrazione verso l’Italia, sta diventando sempre più meta di immigrazione dagli altri paesi africani. Il paese si trova a fronteggiare le sfide dell’accoglienza e della tutela dei lavoratori.

Il seminario organizzato presso il Salone Armatura (via Ragnini 4, Ancona) giovedì 21 giugno vede il coinvolgimento dei delegati sindacali CISL delle principali categorie (FAI, FIM, FILCA, FEMCA) che dialogheranno coi colleghi del Marocco al fine di favorire una riflessione in materia di protezione e promozione dei diritti dei lavoratori migranti, con una attenzione particolare alle criticità maggiori e alle fasce di lavoratori stranieri più vulnerabili. Sarà inoltre occasione per la delegazione marocchina di visitare gli sportelli CISL dislocati su Ancona ed entrare in contatto con i servizi offerti dal sindacato: lo sportello per l’immigrazione, i corsi di italiano.

La giornata proseguirà con la convocazione alle ore 16.30 del Comitato esecutivo CISL aperto agli invitati, presso il Salone Armatura.
Parteciperanno l’ANOLF Marche, di Ancona e di Macerata, associazioni attive nell’assistenza agli immigrati e contro le discriminazioni; la FAI CISL, che presenterà l’iniziativa “S.O.S. Caporalato”, numero verde contro lo sfruttamento in agricoltura, e rappresentanti della comunità marocchina nelle Marche.

Introdotta dall’autore, Adil Azzab, seguirà alle ore 18.00 la proiezione del film “My name is Adil”. Il lungometraggio, girato tra le campagne marocchine e Milano, presenta la storia vera di un ragazzo fuggito dal Marocco per inseguire il padre emigrato in Italia, un paese che scopre essere diverso da quello immaginato, ma che gli permetto di crescere e formarsi fino alla decisione di tornare in Marocco alla scoperta delle proprie radici.

Queste iniziative rientrano nell’ambito del progetto di Iscos Marche Migra-droit, finanziato dalla Regione Marche, tra i progetti ad iniziativa territoriale di solidarietà internazionale e di cooperazione allo sviluppo.

 

Aggiornamenti da Haiti

Riceviamo dall’Iscos Nazionale e pubblichiamo due aggiornamenti da Alessio Adanti, Rappresentante ISCOS per Repubblica Dominicana e Haiti:

AGGIORNAMENTO HAITI – 17 gennaio
da Alessio Adanti
Rappresentante ISCOS per Repubblica Dominicana e Haiti
Le tre Confederazioni Dominicane aderenti al’ITUC: CTA, CNTD, CNUS hanno sottoscritto un accordo, annunciato in conferenza stampa, per gestire in maniera unitaria gli aiuti per Haiti.
Il canale individuato per far giungere concretamente i generi di prima necessità e, anche, per gestire il post emergenza nel Paese, hanno deciso le tre sigle sindacali, sarà MOSHTA, l’organizzazione dei lavoratori haitiani aderente alla CASC e già partner di ISCOS in progetti di cooperazione.
Gabriel Del Rio, segretario Generale della CASC, è riuscito a contattare telefonicamente il suo omologo del sindacato haitiano, la CTH. E’ vivo e sta bene. Anche la sede del sindacato haitiano, miracolosamente, sembra non aver ricevuto danni.

AGGIORNAMENTO HAITI – 18 gennaio
da Alessio Adanti
Rappresentante ISCOS per Repubblica Dominicana e Haiti
Ho appena parlato con Luciano Robles, segretario generale di FEDELAC e Segr. aggiunto della CASC, che mi ha messo al corrente della situazione.
L’ITUC ha fatto un apporto di 20.000 euro sul conto della CASC, e hanno nominato una
commissione intersindacale in RD per gli acquisti, come da comunicato stampa diffuso presso i media.
Io mi vedrò, con Luciano e Gabriel Del Rio (Segretario Generale di CASC) in questa settimana, probabilmente mercoledì. Luciano mi ha detto che hanno avuto mandato dall’ITUC di una presenza in affiancamento alla CTH (sindacato haitiano), per cui e’ prevedibile che formino un equipe che stia sul posto. La settimana prossima è prevista un invio di una delegazione ad Haiti e ho chiesto di partecipare, insieme ai dirigenti della CASC.
Per quanto verificato al momento, sia la sede della CTH, che quella del centro di formazione sindacale e professionale dell’INAFOS non hanno danni maggiori, mentre è purtroppo deceduta la Segretaria di finanza della CTH. Al momento la maggior parte dei dirigenti e dei membri delle CTH hanno trovato riparo nella sede INAFOS in Port au Prince.

Ecco i due comunicati:

haiti-15gen-Csa

haiti-15gen-SindacatiRD

Ricordiamo che è possibile contribuire effettuando una donazione tramite:

– bonifico: IBAN IT19 O 053 0802 6840 0000 0017 396
– bollettino postale: c/c n. 17541608

intestati a ISCOS MARCHE ONLUS

con causale PRO TERREMOTATI HAITI

ISCOS Marche