Festival dei popoli: Africa mon amour

Segnaliamo da Cinemafrica:

Inizia oggi a Firenze la 49. edizione del Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Documentario (14-21 novembre 2008), un’edizione rinnovata che, come spiega il neodirettore Luciano Barisone, intende rendere conto della profonda mutazione che il documentario sta attraversando di fronte alle nuove tecnologie, alle nuove forme di riproduzione del reale, alle nuove possibilità di diffusione. Se l’Africa non è presente in prima persona, a raccontare attraverso gli occhi di cineasti africani le scommesse di un universo in continua mutazione, non per questo il Festival dei Popoli si disinteressa del continente africano.
E così troviamo nel Concorso Ufficiale Lungometraggi un interessante documentario di produzione franco-tedesca che offre una visione molto particolare dell’Africa. Parliamo di Amour, sexe et mobylette (Amore, sesso e motorino, 2008) di Maria Silvia Bazzoli e Christian Lelong: attraverso diverse storie d’amore, il film si pone in presa diretta con il cuore vibrante di un continente e delle sue complesse mutazioni.

Continua la lettura su Cinemafrica

ISCOS Marche

8 – un film sugli obiettivi del millennio

Segnaliamo da Cinemafrica un articolo di Leonardo De Franceschi:

Una scelta importante quella del Festival di Roma di aprire la sezione principale, Cinema 2008, con un film come 8. Nato su iniziativa di due giovani produttori francesi, il film ha dato la possibilità a otto registi di peso di sviluppare in piena libertà un corto fra 8 e 13 minuti, che prendesse spunto da uno degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, assunti all’unanimità dall’Assemblea delle Nazioni Unite nel settembre 2000. Dopo la crisi dell’11 settembre e, com’è facile prevedere, ancor più dopo il crack finanziario degli ultimi mesi, capi di stato e di governo che avevano per la prima volta assunto precisi impegni per ridurre la povertà del cinquanta per cento entro il 2015, hanno trovato facili argomenti per ridurre gli investimenti nella cooperazione, eliminando dalla loro agenda la questione. 8, sulla carta un’operazione ad alto rischio di rigidità istituzionale, ha prodotto otto corti assai diseguali – nell’impatto, nell’approccio e nella tenuta stilistico-formale – ma che nell’insieme sembrano votarsi soprattutto ad un’azione di monito severo, nei confronti dei paesi firmatari, come della stessa istituzione che ha promosso «la più audace decisione che l’umanità abbia mai preso su questo pianeta», come l’ha definita Muhammad Yusuf. Un monito scomodo, se è vero che, come hanno denunciato gli stessi produttori in conferenza stampa, le Nazioni Unite, adducendo per pretesto il fatto che il corto diretto da Mira Nair – How can it be?, in cui una donna musulmana decide di lasciare il marito e il figlio per mettersi con uno sposato – avrebbe offerto una visione offensiva dell’islam, non solo hanno preteso l’eliminazione del loro logo, ma hanno svolto una vera e propria azione di boicottaggio del film, dissuadendo gli organizzatori del festival di Cannes dal selezionarlo, anche se era già pronto a maggio.

Continua la lettura su Cinemafrica

Cooperare per lo sviluppo 17

E’ uscito il numero 17 di

COOPERARE PER LO SVILUPPO
Bollettino dell’ ISCOS Marche onlus
Istituto Sindacale di Cooperazione allo Sviluppo – Associazione promossa dalla CISL Marche

In questo numero:

  • Dossier Albania: La nuova sede di ISCOS Marche, i progetti, le informazioni
  • Il piano strategico di ITUC Africa 2009 – 2012
  • Notizie internazionali: Zimbabwe, Israele, Birmania, bambini migranti in Europa
  • La 97a Conferenza OIL
  • Il summit dei poveri
  • Small Arms Survey 2008: il traffico delle armi leggere
  • Campagne
  • Il blog e il canale video
  • Curiosità
  • Libri e film

Clicca qui per scaricare la copia gratuita

Tre dvd da non perdere

riportiamo da Cinemafrica

La 01 Distribution presenta un listino homevideo di ottobre quanto mai interessante. In particolare, segnaliamo l’uscita, il prossimo 22 ottobre, di tre DVD da non perdere.
Innanzitutto il film Riparo di Marco Simon Puccioni, definito dalla critica un giallo dei sentimenti che tocca i nervi scoperti di una società cosmopolita. Presentato in anteprima mondiale al Festival di Berlino, il film è stato selezionato ai principali festival internazionali ed ha vinto il Grand Prix al Festival del cinema italiano di Annecy. Una coppia di donne e un giovane immigrato maghrebino: Riparo è un coinvolgente dramma sulla gelosia e le classi sociali che offre una chiave inedita e interessante sul tema dello straniero che entra in una unità familiare e la espone alle sue contraddizioni.

Continua la lettura su Cinemafrica

Visioni panafricane al Giffoni Film Festival

Ha avuto inizio lo scorso 18 luglio la 38. edizione del Giffoni Film Festival, che si svolgerà fino a sabato 26 luglio nella cittadina di Giffoni Valle Piana, in provincia di Salerno, con tre schermi, la Cittadella del Cinema e numerosi eventi e spettacoli all’aperto.
Tra i film in cartellone, segnaliamo innanzitutto un evento speciale: il documentario Kidogò – un bambino soldato che racconta la vita di John Baptist Onama, ex bambino soldato nell’Uganda degli anni Ottanta di Idi Amin: ad introdurre il film – realizzato dall’italiano Anglo Longoni, regista e scrittore teatrale che recentemente ha firmato la regia televisiva di Caravaggio con Alessio Boni – sarà lo stesso Onama, che oggi ha 41 anni. […]

14 kilòmetros

Tra i vari film di interesse panafricano presentati in anteprima dal 54. Festival di Taormina, il secondo diretto da Deborah Young, fa spicco nella sezione “Oltre il mediterraneo” lo spagnolo 14 kilómetros (nelle sale prossimamente, grazie a Lady Film), diretto da quel Gerardo Olivares di cui alcuni si ricorderanno per la bizzarra commedia on the road Il grande match. E da due elementi chiave del plot del precedente film – la passione calcistica e la location nigerina del deserto del Teneré, attraversata da un camion di migranti – parte idealmente Olivares, per raccontare i destini incrociati di tre giovani decisi a tutto pur di attraversare quei fatidici 14 chilometri di mare che separano l’Europa dall’Africa.

Cooperare per lo sviluppo 16

E’ uscito il numero 16 di

COOPERARE PER LO SVILUPPO
Bollettino dell’ ISCOS Marche onlus
Istituto Sindacale di Cooperazione allo Sviluppo – Associazione promossa
dalla CISL Marche

In questo numero:

I sindacati africani per la pace di Giovanni Serpilli – Presidente Iscos Marche onlus

Dossier Pakistan : “La terra dei puri”, Un po’ di numeri, Iscos in Pakistan, il
rapporto di ITUC

Il DDT nella lotta alla malaria: un veleno per salvare vite umane
di Leonardo Lucantoni

La Globalizzazione della partecipazione – assemblea ISCOS Marche

ITUC (International Trade Union Confederation): i comunicati dal mondo

I progetti di ISCOS Marche in Eritrea, Pakistan, Italia

Libri e film

BUONA LETTURA!!

Firma per il 5 per mille a ISCOS Marche:
ISCOS MARCHE onlus
C.F. 93046010422

scarica il bollettino

Sostienici

La tua solidarietà è importante. Il tuo personale contributo e quello della tua organizzazione sono decisivi per il successo dei nostri interventi.

Puoi effettuare una donazione tramite:

Conto corrente postale n. 17541608

intestato a ISCOS MARCHE ONLUS

Conto corrente bancario

Banca Popolare di Ancona

IBAN: IT19 O 053 0802 6840 0000 0017 396

Agevolazioni fiscali

In base all’art. 13 D. Lgs 460/97 e alla L. 80/2005 le persone fisiche e gli enti soggetti all’imposta sul reddito possono dedurre e/o detrarre i contributi versati all’Iscos MARCHE Onlus. Dona il tuo contributo tramite banca, posta, carta di debito, di credito o prepagata ed assegni bancari o circolari e conserva la ricevuta. Presentala al centro di assistenza fiscale in occasione della denuncia dei redditi per ottenere la deduzione e/o detrazione dalle tasse.