CIRENAICA SFIDA TRIPOLI E CREA UNA COMPAGNIA PETROLIFERA

Il neo costituito ‘governo della Cirenaica’ ha annunciato la creazione di una Compagnia di idrocarburi che avrà come sede temporanea la citta di Tobrouk e di una Banca federale per la Cirenaica. Lo ha reso noto il capo dell’esecutivo della regione orientale, non riconosciuto da Tripoli, Abd al Rabu al Barassi nel corso di una conferenza stampa a Ajdabiya a due settimane dalla creazione del governo federalista.
L’annuncio conferma i timori del primo ministro Ali Zeidan che due giorni fa aveva denunciato “tentativi” da parte di alcune società petrolifere di “stringere accordi illegittimi” per acquisire petrolio libico attraverso “canali non ufficiali”. Zeidan aveva avvertito che “in caso di azioni commerciali illegittime” il governo di Tripoli avrbbe reagito “con la forza”.
“Annuncio la creazione della Libya Oil and gas corp” ha detto al Barassi in un messaggio trasmesso alla televisione di stato, aggiungendo che “aspetteremo la risposta di Tripoli e del Fessan (regione meridionale, ndr) poi cominceremo a vendere il petrolio e metteremo da parte la quota regionale destinata all’ovest e al sud”.
La mossa dei ‘federalisti’ di Bengasi, come li definisce la stampa libica, giunge come una sfida aperta al governo libico alle prese con un difficile negoziato per tentare di ristabilire il controllo sui terminal petroliferi nell’est del paese. Dalla fine di luglio, gruppi armati assediano le installazioni petrolifere di Zueitina, Ras Lanouf e Sedra e minacciano di bloccare le esportazioni, già molto al di sotto dei normali quantitativi. Il governo accusa gli insorti di voler mettere le mani su alcuni dei giacimenti più ricchi del apese mentre questi ultimi, a loro volta, rispondono che le autorità vendono il petrolio sottobanco senza partecipare dei proventi le popolazioni locali.
I movimenti di protesta – che rivelano una disgregazione politica sempre più evidente – hanno fatto crollare la produzione di greggio da un milione e mezzo di barili al giorno, fino al mese di luglio, agli attuali 250.000 barili. La vendit di petrolio fornisce il 96% delle entrate dello stato e la crisi attuale ha causato finora una perdita stimata di circa 13 miliardi di dollari.
viaCIRENAICA SFIDA TRIPOLI E CREA UNA COMPAGNIA PETROLIFERA | Misna – Missionary International Service News Agency.

Libya PM arrives in Morocco for two-day visit

(AFP)
RABAT — A delegation of top Libyan officials, headed by interim Prime Minister Abdel Rahim al-Kib, arrived in Morocco on Tuesday for a two-day visit, official sources said.
The crisis in Mali, the Arab Maghreb Union and bilateral economic cooperation are expected to top the agenda of the visit.
On Tuesday evening, the Libyan delegation will visit King Mohammed VI’s palace in Casablanca to attend one of the religious seminars hosted by the Moroccan monarch during the Muslim holy month of Ramadan.
On Wednesday, the Libyan premier is due to hold talks with his Moroccan counterpart Abdelilah Benkirane, government sources said, with the accompanying ministers to meet members of Morocco’s Islamist-led coalition government.
“This visit will focus on political dialogue and the strengthening of economic cooperation” between the two countries, one official told AFP.
It will also be an opportunity “to revitalise the Arab Maghreb Union and identify partnership projects,” the official MAP news agency said after Kib’s arrival.
The situation of the large Moroccan community in Libya, estimated at more than 100,000 people before last year’s revolution that toppled Moamer Kadhafi, is likely to feature in Wednesday’s talks as well.
Ties between Rabat and Tripoli have improved since Kadhafi was driven from power and then killed in October.
Both countries belong to the dormant Arab Maghreb Union, a five-nation organisation founded in 1989 whose members also include Algeria, Mauritania, and Tunisia.
The deteriorating security situation in Mali appears to have spurred the five nations into action, with their interior ministers due to meet in Morocco later this year, after Maghreb foreign ministers met in Algiers last month.

Maroc-Libye Vers un retour des investissements libyens

(L’Economist)
LE Maroc et la Libye vont-ils ouvrir une nouvelle page dans leurs relations bilatérales ? On peut le dire sans risque de se tromper vu l’importante délégation gouvernementale libyenne attendue pour une visite de deux jours dès aujourd’hui au Maroc.
Présidée par le Premier ministre en personne, cette délégation compte au moins dix ministres. Rabat et Tripoli avaient fait part, dès le lendemain de la chute du régime de Mouamar Kadhafi, de leur volonté de repartir sur de nouvelles bases dans leur coopération. L’échange de visites de délégations pour explorer les domaines de cette coopération a ainsi été inscrit en tête de liste des priorités des deux capitales pour, à juste titre, inaugurer une nouvelle page dans les relations entre les deux pays.
Les deux pays s’acheminent vers une alliance stratégique
En programmant cette visite au Maroc, la première après l’installation de son Conseil national, le gouvernement libyen veut, sans aucun doute, «récompenser» le Maroc pour sa prise de position en faveur du soulèvement en Libye.
Pour rappel, Taieb Fassi Fihri, alors ministre des Affaires étrangères et de la Coopération, a été le premier responsable arabe à se rendre fin août 2011 à Benghazi, quelques jours après la chute de Tripoli. Auparavant, Rabat avait reconnu le CNT «comme représentant unique et légitime du peuple libyen».
Aujourd’hui, au moment où il semble que les pendules ont été remises à l’heure dans le domaine politique, les relations économiques vont certainement pousser les deux pays vers une alliance stratégique dont l’épine dorsale pourrait être la reconstruction de ce qui a été détruit par les combats entre l’armée de Kadhafi et les
insurgés. Ce n’est d’ailleurs pas un hasard si Maroc Export a organisé du 13 au 20 décembre dernier une opération de prospection dans les deux plus grandes villes de la Libye, Tripoli et Benghazi.
Parmi les secteurs ciblés par cette opération de charme, figurent le BTP, l’agroalimentaire, les nouvelles technologies de l’information, le matériel électrique… Un peu plus d’une semaine après, une délégation libyenne de haut niveau a été reçue au siège de l´Asmex (le 9 janvier 2012). Les représentants des différents secteurs d´activité intéressés par le marché libyen (textile et habillement, IMME, pharmacie, agro-industrie, pêche, etc.) ont pu rencontrer leurs homologues libyens. Les membres de la délégation libyenne avaient alors informé que plusieurs chantiers sont ouverts dans leurs pays et invité les opérateurs marocains à se positionner sur ces marchés.
Mais sur le volet des échanges commerciaux entre les deux pays, le tableau n’est pas rose. Les exportations ont enregistré un recul de 24% en 2011 alors que les importations ont connu une baisse de 70%. Quant à la valeur globale des échanges, elle a tout simplement reculé de 49%.
Cependant, il est certain que le Premier ministre libyen ne vient pas au Maroc seulement pour faire appel à l’expertise marocaine quoique elle bénéficie d’un grand intérêt de la part de Tripoli.
Il y a d’autres questions qui sont encore en suspens. A commencer par la question des avoirs libyens investis au Maroc sous l’ère Kadhafi. Deux fonds ont permis de porter ces investissements: le Libya Africa Investment Portfolio et la Libyan Foreign Investment Company (Lafico), filiale du fonds souverain Libyan Investment Authority (LIA). Les opérations les plus connues restent le Kenzi Tower Hotel qui a coûté aux Libyens quelque 880 millions de DH et l’opération de rachat de la compagnie pétrolière Mobil Maroc par Oilibya devenue très active depuis. Pour 2011 et au premier semestre de 2012, aucune opération d’investissement n’a été enregistrée avec la Libye. Et cela se comprend vu la situation qui prévalait dans le pays.
Jamal Eddine HERRADI

Euromed:Cbc, Italia auspica ingresso Marocco, Algeria, Libia

Algeria, Marocco e Libia devono entrare all’interno del Programma ENPI CBC Med. E’ questo l’auspicio del governo italiano secondo quanto riferito da Marco Del Panta, del ministero degli Esteri, nel corso della seconda giornata di lavori della Conferenza di medio termine del Programma ENPI CBC Med, iniziativa di cooperazione transfrontaliera multilaterale finanziata dall’Unione Europea attraverso lo strumento di Vicinato e Partenariato ENPI (European Neighbourhood and Partnership Instrument), in corso nella sede romana di Confindustria. Si tratta, come ieri aveva gia’ sottolineato il sottosegretario agli Esteri, Marta Dassu’, parlando della Libia, di un’aspetto fondamentale. ”Il bilancio del Programma Enpi e’ positivo e ci sono molti punti di forza”, ha detto Del Panta, ma il punto di debolezza e’ proprio l’assenza di questi Paesi. Il Mediterraneo e’ e rimane una priorita’ del governo italiano e’ tornato a ribadire l’esponente della Farnesina.
”Nel secondo semestre del 2014, la presidenza di turno tornera’ all’Italia. Una cosa e’ certa – ha concluso – il Med sara’ al centro della nostra presidenza”
viaEuromed:Cbc, Italia auspica ingresso Marocco, Algeria, Libia – Politica – ANSAMed.it.

In Libia hanno vinto i moderati

L’Alta commissione elettorale nazionale della Libia ha comunicato i risultati delle elezioni politiche che si sono tenute nel paese lo scorso 7 luglio, dopo che a giugno erano state rinviate. La Coalizione delle Forze Nazionali, guidata dall’ex capo del governo provvisorio Mahmoud Jibril, ha ottenuto il 48,8 per cento dei voti e avrà quindi 39 degli 80 seggi del Congresso Generale Nazionale riservati ai partiti (i seggi sono in tutto 200). Il partito ha praticamente ottenuto tanti voti quanti ne hanno ottenuti gli altri che si sono presentati alle elezioni messi insieme (più di 130 nelle diverse regioni). Giustizia e Sviluppo, il ramo politico in Libia dei Fratelli Musulmani, ha ottenuto 17 seggi grazie al 21,3 per cento dei voti ed è quindi il secondo partito nel paese.
viaIn Libia hanno vinto i moderati | Il Post.

Cooperazione: Trentino lancia "Sponda Sud del Mediterraneo"

Si chiama “Sponda sud del Mediterraneo” e rappresenta una scommessa che investe sulla democrazia e sui giovani grazie a un percorso formativo promosso dall’associazione Rondine, in collaborazione con numerose istituzioni e la partnership della Provincia autonoma di Trento, che prevede un periodo di studio di un anno in Trentino per un gruppo selezionato di giovani provenienti da Tunisia, Libia ed Egitto, cioe’ dai paesi della cosiddetta primavera araba.
“Sponda Sud del Mediterraneo” punta a promuovere una cultura di pace e di dialogo in collaborazione con numerose istituzioni ed in partnership con la Provincia autonoma di Trento. E’ stata presentata ad Arezzo dal Governatore del Trentino Lorenzo Dellai, con presenti, tra gli altri, il cardinale Taurin, responsabile dei rapporti inter religiosi del Vaticano, il ministro Andrea Riccardi nonché gli ambasciatori presso la santa sede degli Stati Uniti e Egitto. Dellai ha rimarcato che questa collaborazione rientra nella volontà della Provincia autonoma di Trento di prestare attenzione da ogni punto di vista, sia sociale che economico, a quello che sta accadendo in diverse aree vicine all’Europa secondo la propria tradizione di apertura e di interesse agli investimenti sui giovani.
“La presenza a Trento di questi gruppi di ragazzi provenienti da realtà del Sud del Mediterraneo, molti dei quali già oggi impegnati nelle associazioni e nei movimenti democratici di quei paesi, e quasi tutti portatori di percorsi di alta formazione – ha concluso Dellai – potrà essere sicuramente motivo di grande interesse per le realtà organizzate del mondo giovanile trentino per entrare direttamente in connessione con i fenomeni più attuali che riguardano l’evoluzione delle società civili di quei territori”.
viaCooperazione: Trentino lancia “Sponda Sud del Mediterraneo” – Francia – ANSAMed.it.

La primavera araba può rilanciare l'economia italiana – Affaritaliani.it

La ‘primavera araba’, volendo continuare ad interpretarla come fenomeno meteorologico, si presta a differenti valutazioni e previsioni a seconda della collocazione geografica dei Paesi interessati dal recente, sorprendente e inatteso mutamento climatico.
Considerando solamente la sponda mediterranea del continente africano: Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, osserviamo che la nuova stagione si è manifestata esplicitamente in Tunisia, Libia ed Egitto. Mentre, in Marocco ed Algeria, i governi in carica sono riusciti con abilità a gestire le correnti atmosferiche mantenendo, almeno per il momento, un tempo stabile anche in presenza delle perturbazioni esistenti.
L’Egitto, dopo la primavera, in realtà è regredito verso l’inverno. La Libia alterna alta e bassa pressione ed ha intrapreso un’azione di rasserenamento con conseguente stabilizzazione del clima attraverso elezioni municipali già tenute o indette nei principali capoluoghi (Tripoli, Misurata, Bengasi), e avviata l’organizzazione delle prossime elezioni per una assemblea costituente nazionale previste inizialmente per il corrente mese di giugno e, probabilmente, procrastinate ancora di qualche settimana. La Tunisia dimostra di progredire, seppur lentamente, verso un’estate politica dopo l’elezione di un’assemblea costituente che ha dato spazio e composto democraticamente le diverse sensibilità politiche e religiose esistenti, ed il mantenimento della scadenza di nuove elezioni politiche entro il 2012.
Con un approccio alquanto pragmatico sembra opportuno – al momento – volgere l’attenzione verso due Paesi, la Tunisia e la Libia. Considerando il primo – Paese di trasformazione senza proprie risorse energetiche – un alleato per l’Italia stabile e strategico per rendere più efficiente l’azione verso il secondo (la Libia) – Paese di lunga tradizione di rapporti con il nostro Paese, ricco di materie prime energetiche e capace di influenzare il continente africano, il mondo islamico e i produttori di petrolio.
L’Italia, per le ragioni culturali, geografiche, storiche, sociali e mercantili radicate nel passato e per il particolare e a suo modo originale profilo assunto nelle recenti operazioni politiche, diplomatiche e militari, può ambire a svolgere un ruolo creativo e condurre una offensiva di idee, di proposte e di interventi, miranti ad esaltare e realizzare azioni rivolte alla cooperazione e concertazione, piuttosto che di confronto e risarcimento usualmente riassunti nella locuzione cinica ma realistica ed efficace di ‘dividendi della pace’.
Una siffatta offensiva deve contribuire a raggiungere l’obiettivo di stabilizzare l’area del Mediterraneo per consentire l’individuazione, la realizzazione e il progressivo affinamento di strumenti di cooperazione che si trasformino successivamente in partnership tra i sistemi economici. In primis tra Italia, Tunisia e Libia, eppoi dell’insieme dei Paesi dell’Unione europea che si affacciano sullo stesso mare, fino a coinvolgere l’intera realtà politica europea in un quadro di sicurezza e certezza per gli operatori coinvolti, siano essi gruppi economici od organismi di solidarietà o di interlocuzione culturale.
Il tessuto economico italiano si connota per il capillare insediamento di eccellenze tecnologiche e capacità tecno-organizzative di alta flessibilità, tutte riassunte e rappresentate nel modello delle PMI che ben si adatta alle necessità mostrate dai due Paesi nei loro programmi di consolidamento, ricostruzione e rilancio dell’economia imprenditoriale.
Attualmente, dalle informazioni finora raccolte, risulta che i settori di interesse dedicati e prospettati alle PMI sono: la sicurezza interna e esterna; l’intera filiera della sanità; il rilancio del turismo e la relativa sistemazione delle infrastrutture ricettive; l’energia, in particolare, il trattamento delle fonti rinnovabili; le infrastrutture di mobilità nelle diverse modalità: aereo, treno, gomma; la ricostruzione e sistemazione urbanistica; l’agroindustria.
La recente sottoscrizione a Tripoli di un MoU (Memorandum of Understanding) tra Enav e Libyan Civil Aviation Authority, alla presenza del ministro libico dei Trasporti (Yousef El Weheshi) e dell’ambasciatore italiano (Giuseppe Buccino Grimaldi), ed il conseguente immediato avvio dell’attività di formazione per controllori di volo offerta gratuitamente dall’Italia, è stato un primo riuscito e replicabile esempio della efficacia dello strumento della cooperazione internazionale anche nel campo delle tecnologie. Non resta che prendere esempio, sollecitando pure chi, istituzionalmente – ministeri Affari Esteri e Sviluppo Economico – di quest’attività deve farsi, per dovere, promotore. Ma non è sufficiente firmare intenti per la costituzione di gruppi di lavoro!
Mariella Colonna
via La primavera araba può rilanciare l’economia italiana – Affaritaliani.it.